Sul potere del giudice di ridurre la sanzione applicata al lavoratore