Sul potere imprenditoriale di procedere discrezionalmente alla promozione dei dipendenti