La Corte Costituzionale rinsalda il principio della autonomia e della responsabilità del medico anche negli interventi di procreazione medicalmente assistita