Ode on a Grecian Urn di John Keats, ovvero la natura dialogica e transtemporale della bellezza