A proposito di un recente libro sulla qualifica giuridica della blasfemia