Sulla tradizione dello scrivere medicina in volgare