Variazioni omeriche e callimachee nel c. 17 di Teocrito