A proposito di alcuni omerismi in Apollonio Rodio