Prezioso e dimesso: la lingua di Arturo Loria al tempo di 'Solaria'