Su paesaggio e geografia culturale: risposta a Fabio Lando