Dalla ritualità delle subculture alla libertà dei reticoli sociali