Un inganno regale (Erodoto, III 65, 6): Nomos e Pathos nella figura di Cambise