C. Cilnio Mecenate e il libro di Riccardo Avallone