Discriminazioni algoritmiche e diritti dei lavoratori: qualche riflessione a partire da una recente ordinanza del Tribunale di Bologna