Le acque pubbliche tra “bene comune” e tutela della concorrenza: limiti e spazi per l’autonomia speciale nella disciplina del servizio idrico integrato