Credito fondiario, nullità «a vantaggio del cliente» e legittimazione di altri