Può l’intelligenza artificiale agire metaforicamente? La risposta della biosemiotica