Sulla riserva preferenziale di procedimento come strumento di garanzia