L’eterno ritorno del funzionamento intellettivo limite