La fine di una gabbia etnico-sindacale