Sulla rotta degli Argonauti: diacronia di un genos (Apoll. Rhod. 1., 536-585; 4., 1773 ss.).