Sulla problematica coesistenza di «compensatio lucri cum damno» e surrogazione: il silenzio delle sezioni unite