Nodi critici in tema di "autodoping": bene giuridico e "idoneità"