La Corte conferma che le ragioni del coordinamento finanziario possono fungere da legittima misura dell’autonomia locale