“Realmente distinti ma inseparabili: il diritto e l’Altro”