Oro, pane e scrittura: memorie di una comunità «inter Vercellas et Eporediam»