L’Unione Europa “potenza divisa” nel Mediterraneo