Il poeta ingrato: d'Arrigo lettore di Hölderlin