Andreas Gryphius a Roma nel 1646: in lode di Bacco, in spregio di Apollo e Minerva