La decisione: una questione teologico-politica?