Il “secondo” chimico