Sull'inferenza del significato in uso nella comunicazione verbale esplicita