L’aiuto allo sviluppo: un capolavoro della comunicazione politica?