Lo spazio urbano come occasione di convivenza