Riflessione su alcune forme dell’altro nella poesia in dialetto di Marco Pola