Una nuova idea di lavoro per il paesaggio e i contesti sensibili, il caso trentino