La "giustizia" del sinallagma contrattuale è rilevante per l'ordinamento giuridico?