"Arte di bene e d'equitade". Ancora sul senso del diritto in Dante