Perché continuiamo a leggere la "Commedia"