"Niente retorica": liberalismo linguistico nei diari di una signora del Novecento