Il comico secondo Bergson tra meccanico e onirico