Si tratta della lettura di una fra le sestine petrarchesche meno studiate. A partire da un'analisi formale del testo e da una ricognizione dei modelli trobadorici che la innervano (in particolare alcuni componimenti di Arnaut Daniel e di Raimbaut d'Aurenga), sono qui messe in luce soprattutto le sue importanti implicazioni poetologiche.

Il bue zoppo di Petrarca: lettura della sestina "Là ver' l'aurora, che sì dolce l'aura" (RVF CCXXXIX)

Zambon, Francesco
2011

Abstract

Si tratta della lettura di una fra le sestine petrarchesche meno studiate. A partire da un'analisi formale del testo e da una ricognizione dei modelli trobadorici che la innervano (in particolare alcuni componimenti di Arnaut Daniel e di Raimbaut d'Aurenga), sono qui messe in luce soprattutto le sue importanti implicazioni poetologiche.
1-2
Zambon, Francesco
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11572/89607
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus 0
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact