La democrazia "sensibile alla verità"