Dialogando con Weiler: il crocefisso e gli "imbarazzi" del giurista