Lo scrittore progressista e il Secondo Uomo