Il nuovo contratto di rete: learning by doing?