Una poesia da S. Salvatore di Telese al tempo di Ruggero II