Il controllo di "proporzionalità" nell'esperienza comparata e la possibilità di una sua trasposizione nell'ordinamento italiano