L'antiliturgia della follia: l'insipiens nei manoscritti italiani