Il 'Cinque maggio' e l'encomiastica napoleonica